lunedì 30 gennaio 2012

Biglietto per l'inferno


Due sono stati i personaggi che per varie ragioni hanno ispirato loro stessi le immagini che ho prodotto. Uno di questi era il cantante dei “Biglietto per l’inferno” Claudio Canali. Gli chiesi di saltare tenendo tra le mani un bastone e lui si sbizzarrì con una serie infinita di pose. Molti anni dopo ricevetti una telefonata da un signore che avevo conosciuto come loro supporter, detto il “Baffo”, mi chiese di poter ripubblicare la copertina e le altre immagini per una riedizione dei loro dischi. In Giappone c’è un forte mercato per il progressive italiano, un genere che è stato liquidato con troppa fretta. Quando poi mi aggiunse che il ricavato sarebbe andato al piccolo monastero che stava nell’entroterra ligure a Minucciano dove priore era proprio lui, l’ex cantante del gruppo, non ebbi problemi, tutt’altro. Certo che l’ironia della vita ti sorprende sempre, l’immagine il simbolo di un gruppo fortemente trasgressivo dal nome “Biglietto per l’inferno” dopo anni te lo ritrovi priore di un monastero arrampicato tra le alture solitarie della Garfagnana.

1 commento:

  1. gia'....ho suonato anni con alcuni componenti del Biglietto musica folk.....che simpatici...

    RispondiElimina